Ultimo weekend a #Caffeina! Non mancate

caffeina

A Viterbo, dieci giorni pieni di appuntamenti, eventi, ospiti, curiosità e tanto divertimento. Cultura allo stato puro, per tutti! Ultimi giorni! Durerà fino al 5 Luglio.

Giornate bellissime e davvero intense.

Per questo Minimo Impatto ha deciso di essere sponsor dell’evento. Saranno utilizzati piatti, bicchieri posate e ogni prodotto per la ristorazione monouso 100% ecologici biodegradabili

Condividiamo con voi il programma di Caffeina 2015. Partecipate numerosi

 

Da Laudato Sì alla Marcia per il Clima. Uniti per il Pianeta

molte fedi un pianeta

Persone di fede, gruppi di società civile, e comunità colpite dal cambiamento climatico hanno marciato insieme a Roma questa domenica per esprimere la propria gratitudine a Papa Francesco per la pubblicazione della sua enciclica sull’ambiente, “Laudato Si”, e chiedere a gran voce una politica ambientale più efficace ai leader mondiali.

Con lo slogan “Una Terra, una famiglia umana“, la marcia ha unito cattolici e altri cristiani, credenti di fedi non cristiane, ambientalisti e persone di buona volontà. La marcia si è conclusa in Piazza San Pietro in tempo per l’Angelus del Papa.

La marcia celebrativa è stata animata da una banda musicale, un coro per il clima e del materiale grafico creato da artisti italiani e di altre nazioni, il cui lavoro ha giocato un ruolo fondamentale nella Marcia per il Clima della Gente a New York lo scorso settembre. Tra il materiale grafico spiccava uno striscione di 75 metri a forma di foglia, con versi dmigrantsalle Scritture che parlano dell’amore di Dio per il creato e per i poveri.

In questo momento decisivo per la crisi climatica siamo particolarmente grati al Papa per aver pubblicato questa enciclica e aver contribuito a diffondere la consapevolezza di come il cambiamento climatico influenzi la vita di molte persone in ogni angolo della Terra”, ha detto Arianne Kassmanm, un’attivista per il clima dalla Papua Nuova Guinea che ha preso parte alla marcia per parlare degli effetti del cambiamento climatico nella regione del Pacifico.”Il punto della questione è che l’umanità intera ha bisogno di restare unita per affrontare la crisi del nostro tempo. Il cambiamento climatico è un problema per chiunque abbia una coscienza morale“, ha aggiunto.

Tra i messaggi indirizzati al Papa in occasione della marcia c’era anche la richiesta di rendere il disinvestimento dai carburanti fossili parte integrante del suo messaggio morale di assoluta necessità di affrontare l’emergenza climatica. Perciò 350.org, con il supporto dell’associazione partner Italian Climate Network, ha portato in piazza il messaggio “The Earth and the Poor are crying out for Divestment”, “La Terra e i Poveri chiedono di disinvestire“.

La campagna per il disinvestimento dai carburanti fossili si basa sulle stesse premesse etiche comunicate dal Papa nella sua enciclica“, ha detto Padre Edwin Gariguez, segretario esecutivo della Caritas delle Filippine.”La campagna ha lo scopo di sottolineare l’immoralità dell’atto di investire nella fonte stessa dell’ingiustizia climatica che oggi ci troviamo ad affrontare. Ed è questo il motivo per cui speriamo che, sviluppando le premesse stesse del suo messaggio, Papa Francesco possa rendere il disinvestimento dai carburanti fossili parte integrante del suo appello affinché venga data una risposta immediata al problema del cambiamento climatico.”italian

Una petizione che chiede a Papa Francesco di disinvestire i capitali del Vaticano dai combustibili fossili ha già raccolto decine di migliaia di firme.[2] Nei mesi scorsi, decine di istituzioni religiose – tra cui anche il Consiglio Mondiale delle Chiese, che rappresenta un miliardo di cristiani in 150 paesi [3] – hanno disinvestito i propri capitali dall’industria del carbone, dell’olio e del gas naturale, o hanno appoggiato altri nel farlo. Nel maggio 2015 la chiesa anglicana ha annunciato la vendita per 12 miliardi di sterline delle azioni nella produzione di energia da carbone e nelle sabbie bituminose di cui disponeva, e proprio questa settimana la Federazione Mondiale Luterana ha annunciato che escluderà le compagnie dei combustibili fossili dai propri pacchetti di investimenti e chiederà alle proprie chiese confederate, che vantano un totale di 72 milioni di fedeli, di fare altrettanto. In totale, oltre 220 istituzioni si sono impegnate a disinvestire i propri capitali dai combustibili fossili, e le istituzioni religiose costituiscono la maggior parte di questo gruppo. [4]

greenpeaceMentre i leader mondiali si apprestano ad incontrarsi a Parigi alla fine di quest’anno in occasione delle consultazioni sull’ambiente delle Nazioni Unite, il movimento per il disinvestimento è in crescita costante e continuerà a incoraggiare la rivoluzione etica ed economica necessaria a prevenire un cambiamento climatico disastroso e la crescita costante dell’ineguaglianza sociale, un punto fondamentale dell’enciclica di Papa Francesco.

“L’unico modo per affrontare la crisi climatica è quello di liberare l’umanità dalla dipendenza dai combustibili fossili e dai loro effetti nocivi sulle nostre vite e sul pianeta. Questa enciclica contribuisce al cambiamento epocale che stiamo vivendo, semplicemente non possiamo continuare a trattare la Terra come un semplice mezzo da sfruttare”, ha dichiarato Hoda Baraka, il responsabile internazionale della comunicazione 350.org, uno degli organizzatori della marcia. [5]

[Comunicato Stampa Inviato da Italian Climate Network per conto di 350.org]

Riportiamo anche le note per i redattori che ritengo utili per quanti scoprano il comunicato attraverso il mio blog.

NOTE AI REDATTORI:

[1] Le foto della marcia sono disponibili per il download qui.

[2] La preghiera dell’Angelus ha luogo ogni domenica quando il Papa si trova a Roma. A mezzogiorno si affaccia alla finestra del suo appartamento e fa un breve discorso, seguito dalla preghiera dell’Angelus, che si conclude con la benedizione apostolica.

[2] Il testo della petizione “Disinvista I capitali del Vaticano” è disponibile qui.

[3] Istituzioni religiose che si sono impegnate a disinvestire i propri capitali ad oggi:
Diocesi Anglicana di Canberra e Goulburn, Australia
Diocesi Anglicana di Melbourne, Australia
Diocesi Anglicana di Perth, Australia
Anglican National Super (Fondo Nazionale Anglicano per le Pensioni), Australia
Chiesa di Brighthelm, Brighton, Regno Unito
Chiesa di Svezia
Colorado Ratnashri Sangha, USA
Earthsong, Australia
Diocesi Episcopale del Massachusetts, Massachusetts, USA
Diocesi Episcopale del Massachusetts Occidentale, Massachusetts, USA
Chiesa Evangelica Luterana dell’Oregon, Oregon, USA
Prima Parrocchia della Chiesa Unitariana Universalista di Cambridge, Massachusetts, USA
Prima Chiesa Presbiteriana di Palo Alto, California, USA
Prima Società Religiosa di Newburyport, Massachusetts, USA
Prima Chiesa Unitaria di Pittsfield, Maine, USA
Prima Chiesa Unitariana di Salt Lake City, Utah, USA
Prima Congregazione Unitariana di Ottawa, Ontario, Canada
Prima Società Unitariana di Milwaukee, Wisconsin, USA
Sorelle Francescane di Maria, Missouri, USA
Corporazione Fiduciaria Friends, USA
Unitariana Universalista Jamaica Plain, New York, USA
Federazione Mondiale Luterana
Comitato delle Chiese del Maine, Maine, USA
Chiesa Unitariana di Melbourne, Australia
Chiesa Unitariana Universalista di Portsmouth South, New Hampshire, USA
Sorelle della Presentazione, Queensland, Australia
Quaccheri in Gran Bretagna, Regno Unito
Società Religiosa Quacchera degli Amici, Australia
Comunità Quacchera degli Amici, Ohio, USA
Società per il Lavoro Comunitario, California, USA
La Chiesa Metodista Unita, USA
Chiesa del Thomas Jefferson Memorial, Virginia, USA
Chiesa Unitaria della Trinità di San Paolo, Toronto, Ontario, Canada
Seminario Teologico dell’Unione, New York, USA
Società Unitariana di Northampton & Florence, Massachusetts, USA
Chiesa Unitaria Universalista di Regione presso la Prima Parrocchia di Sherborn, Massachusetts, USA
Associazione Unitaria Universalista, USA
Associazione Unitaria Universalista di Amherst, Massachusetts, USA
Sinodo della Chiesa Riformata Unita di Scozia, Regno Unito
Chiesa Unita dell’Australia
Chiesa Unita di ACT & NSW, Australia
Chiesa Unita di Cristo, Massachusetts, USA
Chiesa Unita di Cristo, Minnesota, USA
Congregazione Universalista di South County, Rhode Island
Congregazione Unitaria Universalista di Corvallis, Oregon, USA
Concilio Mondiale delle Chiese

[4] Una lista completa degli impegni a disinvestire è disponibile qui

[5] Tra gli organizzatori della marcia figurano anche: 350.org, un gruppo internazionale di attivisti contro il cambiamento climatico, FOCSIV, una coalizione di oltre 60 gruppi di cattolici italiani per lo sviluppo, il sostegno e la giustizia sociale, e OurVoices, la campagna internazionale multiconfessionale contro il cambiamento climatico organizzata da GreenFaith e la Conservation Foundation.

Pronti per #Caffeina? Si parte domani a Viterbo. Non mancate

caffeina

A Viterbo, dieci giorni pieni di appuntamenti, eventi, ospiti, curiosità e tanto divertimento. Cultura allo stato puro, per tutti! Ecco cos’è Caffeina Festival che si terrà a Viterbo a partire da venerdì prossimo 26 giugno 2015.

10 giorni bellissimi e davvero intensi. Per questo Minimo Impatto ha deciso di essere sponsor dell’evento. Saranno utilizzati piatti, bicchieri posate e ogni prodotto per la ristorazione monouso 100% ecologici biodegradabili

Condividiamo con voi il programma di Caffeina 2015. Partecipate numerosi

 

Ecco i bandi dei premi Compraverde!

compraverde
Al via i Bandi 2015 per i Premi del Forum Compraverde
Anche quest’anno è possibile partecipare ai Premi promossi dal Forum: Premio CompraVerde, Premio MensaVerde, Premio Vendor Rating e Acquisti Sostenibili e Premio CulturaInVerde. Sul sito web online del forum i bandi e le domande di partecipazione.

PremioCompraVerde

Ottava edizione del premio destinato alle PA che si sono distinte per aver attivamente contribuito alla diffusione degli Acquisti Verdi convinte della forza di questo strumento come mezzo per ridurre gli impatti delle proprie attività sull’ambiente e sulla salute dei cittadini.

PremioVendor

Un premio – giunto alla quinta edizione – per le piccole, medie e grandi imprese che hanno adottato un sistema di qualificazione ambientale e sociale dei fornitori.

PremioMensaVerde

Sesta edizione dell’iniziativa per le organizzazioni pubbliche, private e non profit che si sono distinte per aver attivamente contribuito alla diffusione degli acquisti verdi e del consumo sostenibile nel settore della ristorazione collettiva.

PremioCultura

Un riconoscimento, giunto alla terza edizione, destinato alle manifestazioni culturali (rassegne teatrali, cinematografiche, musicali, di danza, di arti figurative, letterarie) che hanno ridotto gli impatti generati dalla loro attività, integrando gli aspetti ambientali e sociali nell’organizzazione e gestione degli eventi e nell’acquisto di beni e servizi necessari alla loro realizzazione.

Consulta i Bandi Online 

Buone Vacanze e attenzione alle spiagge pulite!

beach litter2
Legambiente ha passato al setaccio le spiagge del Mediterraneo!
Monitorate 54 spiagge nel Mediterraneo, di cui 29 in Italia e 25 negli altri Paesi costieri. Nei litorali italiani i rifiuti di plastica costituiscono l’80%, invece nelle altre spiagge si attestano al 52%. Legambiente: “Fondamentale dar avvio ad azioni concrete di salvaguardia e sviluppo dell’ambiente marino e delle coste coinvolgendo tutti i soggetti interessati e dei territori” . Su www.legambiente.it/beachlitter la mappa interattiva dei rifiuti, spiaggia per spiaggia

Ad accomunare molte delle spiagge italiane e del Mediterraneo monitorate da Legambiente non è solo il sole e il bel mare, ma soprattutto i rifiuti spiaggiati che si trovano sui litorali. Rifiuti di ogni genere, di tutte le forme e dimensioni: bottiglie e contenitori di plastica, tappi, polistirolo; e poi secchi, stoviglie usa e getta, oggetti derivanti dal comparto della pesca, mozziconi di sigaretta e rifiuti da mancata depurazione come cotton fioc e assorbenti. Ma anche quest’anno la regina indiscussa dei rifiuti spiaggiati rimane la plastica: l’80% degli oggetti trovati sulle 29 spiagge italiane monitorate è di plastica (contro il 65% dello scorso anno), mentre sui litorali del Mediterraneo la percentuale scende al 52%. È quanto emerge dall’indagine “Beach litter” realizzata e curata da Legambiente, con il contributo di Novamont, che ha monitorato 29 spiagge italiane e 25 spiagge del Mediterraneo nell’ambito della campagna “Spiagge e Fondali puliti – Clean-up the Med 2015” creata in collaborazione con Cial, Novamont, Mareblu e Virosac e che ha visto questo week-end centinaia di volontari impegnati nel ripulire le spiagge dal nord al sud Italia.

[…]

Danni provocati dai rifiuti spiaggiati – Infine Legambiente ricorda i danni provocati dai rifiuti spiaggiati che fanno male all’ambiente e alla fauna, all’economia e al turismo. Tartarughe marine, uccelli e mammiferi marini possono restare intrappolati nelle reti da pesca e negli attrezzi di cattura professionale oppure morire per soffocamento dovuto all’ingestione accidentale di rifiuti (in particolare buste di plastica) scambiati per cibo. Secondo diversi studi, nel Mediterraneo occidentale, l’ingestione di rifiuti causa la morte nel 79,6% delle tartarughe marine e dell’intero ecosistema marino. Inoltre, le microplastiche ingerite dagli organismi acquatici, sono la causa principale dell’introduzione di plastiche nel biota e, quindi, del disequilibrio della catena alimentare.

Ecco il link all’indagine “beach Litter” di Legambiente:http://www.legambiente.it/contenuti/dossier/beach-litter-2015-indagine-s…

 

Un tocco di oriente a… Minimo Impatto. Scegli il take away per cibo cinese o giapponese ecosostenibile!

box porta noodles

Dai box porta noodles, alle bacchette, ai vassoi per il sushi. Scopri la vasta gamma di prodotti ideali per i locali take away cinesi e giapponesi. 100% ecologici su Ecostoviglie.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I misteri della Rosa di Jericho! La vedrai nascere e rinascere ogni volta che vorrai

rosadigerico
[Scegli la tua Rosa di Jericho in offerta a soli 6 euro? Clicca qui]

La Rosa di Jericho appartiene ad una categoria di piante d’origine desertica, dette piante della resurrezione, che per le loro caratteristiche si chiudono a riccio quando sono private d’acqua e si aprono e rinverdiscono quando vengono dissetate.

Potrete godere dell’ apertura di questa sorprendente pianta ogni volta che vorrete. Questo bulbo, apparentemente senza vita, vi stupirà dischiudendo completamente i propri rami acquisendo un vellutato color verde. La Rosa di Jericho, originaria della Terra Santa, è arrivata in Europa, portata dai crociati e dai pellegrini,  accompagnata da diverse leggende affascinanti. La più diffusa narra che la Vergine Maria, sulla strada di Nazareth si dissetò con l’acqua racchiusa nel cuore della Rosa e, grata alla pianta, la rese immortale. In tutta Europa si crede  che la pianta porti felicità e benedizione. Diverse testimonianze sostengono che, nella zona dove la Rosa di Jericho vive, le donne beduine ne bevono l’acqua per alleviare i dolori ed abbreviare i processi di guarigione, fanno il bagno dove essa si apre a fiore e usano la sua acqua per fare impacchi, poiché si pensa che questa pianta abbia effetti curativi.

Vivete la magia della Rosa di Jericho osservando l’incredibile forza della natura, guardandola rivivere ogni volta lo desideriate e non dimenticate, di farla schiudere nei vostri giorni più significativi.

 

 Il mantenimento:

E’ sufficiente versare 1 cm d’acqua, meglio se tiepida (25°/30°) ed i rametti e le foglie, dapprima secchi, rivivranno in breve ridiventando verdi. La temperatura dell’acqua determinerà l’intensità e le sfumature di verde. Per la prima apertura è ideale inumidirla anche dall’alto con uno spruzzino.

È necessario rispettare il ciclo della pianta non lasciandola in acqua per più di 3 o 4 giorni consecutivi, controllando che l’acqua sia sufficiente ad irrorarne le radici per favorirne il completo sviluppo. Lasciare quindi asciugare la Rosa non aggiungendo più acqua; essa si seccherà completamente, avvolgendosi nuovamente su se stessa, tornando al suo stato quiescente. Attendere almeno altri 15-20 giorni prima di rimettere acqua sul piattino. La rosa potrà esser tenuta disidratata anche  per un lungo periodo; il suo adattamento estremo alla sopravvivenza in ambienti aridi, infatti, le consente di vivere privata di acqua e terra per mesi.

Regalare la Rosa di Jericho alle persone care in occasione di speciali ricorrenze quali : compleanni, anniversari, battesimi, cresime, lauree, matrimoni e occasioni particolari, sarà  un auspicio di buona sorte e felicità!

I saperi della tradizione e la biodiversità come risorsa!

erbacce locandina completa

I saperi della tradizione e la biodiversità come risorsa mercato di produttori locali, stand artigiani, degustazioni, spettacoli, mostre,  concerti e attività per adulti e bambini.

Castello del Sasso (Cerveteri) 6/7 giugno 2015

Sarà un evento a Minimo Impatto con le nostre Ecostoviglie! ecco i dettagli tratti dall’evento ufficiale su Facebook:

 

Primo incontro nazionale del gruppo
“Erbacce e dintorni”
(https://www.facebook.com/groups/178730112263964/)

a cura dell’associazione “SemiLune”
https://www.facebook.com/www.semilune.it?fref=ts

Progetto: I saperi della tradizione e la biodiversità come risorsa, sostenibilità ambientale, alimentazione sana e naturale.
Primo incontro nazionale di “Erbacce e dintorni”.

l’intento, a partire da questo primo evento, è quello di creare una rete tra quanti si occupano di natura, biodiversità, sostenibilità e cibo sano. Pertanto l’associazione promuoverà progetti e collaborazioni in tal senso.

“Erbacce e dintorni” è il nome di un gruppo che ormai conta più di ddiecimila persone, un gruppo che nasce dal desiderio di percorrere insieme un cammino alla riscoperta della bellezza e della ricchezza della natura, della biodiversità e della complessità degli ecosistemi. Il legame indissolubile che da sempre unisce Uomo e Ambiente è un patrimonio di Saperi e di Cultura, qualcosa che non può e non deve essere perduto. Oggi più che mai c’è la necessità di mantenere vive le coltivazioni e i semi di antiche varietà che stanno scomparendo, di diffondere la conoscenza delle erbe spontanee per l’alimentazione e il benessere, ma anche per il mantenimento del naturale equilibrio degli ecosistemi, lavorando in sinergia con la natura, anche attraverso la pratica dell’agricoltura naturale; con un occhio sempre attento all’innovazione intelligente e a basso impatto ambientale . Occorre recuperare la cultura del “mangiar sano” e tenere vive tutte le antiche tradizioni e conoscenze contadine che, per troppo tempo, sono state accantonate in nome di una forma di sconsiderato “progresso”.
Per questo ci proponiamo di creare un evento (o una serie di eventi) che possa far riscoprire gli usi delle erbe spontanee (in cucina, nelle preparazioni per il benessere e la cura della persona, nella tintura naturale dei tessuti, nell’artigianato), che offra la possibilità di degustare ed acquistare prodotti locali e genuini, di poter partecipare a veri e propri laboratori e corsi per imparare a realizzare le varie preparazioni.
La natura per l’uomo non è però solo “cibo”: è benessere, è ispirazione, è creatività, è arte, è una filosofia di vita. Lo scopo che ci prefiggiamo quindi è che questi eventi siano anche e soprattutto un momento di riflessione, di ascolto, di arricchimento culturale, attraverso concerti, mostre, momenti di riflessione e approfondimento, dibattiti, letture e attività per i bambini.

Creare una coscienza e una conoscenza nelle future generazioni è legare passato e futuro, pensando anche a forme di progresso e di innovazione sostenibili, che lavorino al fianco della natura.

La nostra associazione culturale sposa pienamente tutti questi obiettivi e si sta impegnando per fare in modo che questo primo incontro nazionale sia un modo per aprire nuove forme di collaborazione, di scambio di conoscenze, di comunicazione e di crescita impegnandoci a

“costruire azioni concrete per assicurare un’Educazione alla biodiversità intesa come processo culturale e formativo che riguarda i giovani come gli adulti, i singoli come le collettività, e che fornisce competenze e conoscenze, ma anche valori e sensibilità, dunque elementi capaci di orientare le scelte professionali, politiche, imprenditoriali, della ricerca ma anche quelle quotidiane: i consumi, il turismo, l’alimentazione ecc., e che coinvolge tutti i settori della società”.

Si deve trovare un giusto equilibrio tra tradizione e futuro, facendo in modo che l’essere umano prenda coscienza di essere parte integrante di un equilibrio che rischia di essere definitivamente spezzato. Per questo siamo qui, per
“Ripensare noi stessi nella natura; rafforzare il ruolo dell’educazione e dell’informazione ambientale; migliorare la formazione specifica per gli educatori; favorire il confronto, la condivisione e lo scambio di buone pratiche fra i soggetti operanti nell’ambito dell’educazione alla sostenibilità; incentivare l’adozione di comportamenti responsabili; facilitare l’attivazione di processi partecipativi e il maggiore coinvolgimento delle comunità locali per la costruzione di un futuro durevole, basato sulla consapevolezza e la partecipazione.”

Dalla dichiarazione “Per una cultura della Biodiversità” dell’UNESCO

A partire da questo primo evento si lavorerà per creare una rete tra quanti si occupano di natura, biodiversità, sostenibilità e cibo sano. Pertanto l’associazione promuoverà progetti e collaborazioni in tal senso

Prodotti biodegradabili e compostabili, come si conservano? Le faq di Ecozema ce lo spiegano

bicchieribevandefreddeecozema

COME CONSERVARE CORRETTAMENTE I PRODOTTI ECOZEMA?
Tutti i prodotti vanno tenuti al riparo da calore e luce diretta del sole, anche se all’interno degli imballaggi in cartone. In particolare i prodotti in Ingeo PLA sono molto sensibili alla temperatura e quindi non vanno assolutamente sottoposti a calore.
Per questa e altre info sull’utilizzo dei prodotti Ecozema, visitate la sezione F.A.Q. –> http://ow.ly/z2mZY

Per acquistarli scoprite il portale di Ecostoviglie di Minimo Impatto

L’effetto boomerang della gentilezza, atto rivoluzionario e contagioso…. Buona Ecogiornata a tutti!

gentilezza
Ciò che semini raccogli: allora semina Bene!!!Video delizioso sull’effetto boomerang della gentilezza… che in questi giorni di ripresa di settembre (traffico incluso) sarebbe meglio non dimenticare mai…

Vi dedichiamo questo breve video che speriamo rallegri la vostra giornata.

Minimo Impatto